Cos'è la Disaster Recovery e come mantenere la Business continuity

Prevedere e superare un disastro IT

Secondo le statistiche il tempo medio impiegato da un'azienda per riprendersi da un blocco delle infrastrutture tecnologiche o da un disastro IT è di 18,5 ore, ma il 43% delle aziende non si riprende completamente a causa della mancanza di un piano preventivo.
Per una piccola media impresa, il costo uomo di queste ore di inattività, sommato al costo di capitale perso è di circa 30.000€.

Progettare dei piani di ripristino efficienti, basati sulle specifiche vulnerabilità e necessità aziendali, consente di proteggersi dai rischi ed essere preparati in caso di interruzione del business.
Un Business Continuity Plan e un Disaster Recovery Plan adeguati all'infrastruttura consentono di superare eventuali crisi evitando il fermo aziendale e, di conseguenza, limitando perdite di dati e denaro.

Business Continuity Plan e Disaster Recovery Plan: due differenti piani aziendali connessi tra loro

Il Business Continuity Plan prevede l’organizzazione della continuità aziendale, ossia che tutte le funzioni aziendali non siano interrotte da problematiche di tipo informatico.
Per attuare tale piano occorre dunque dotarsi di soluzioni preventive e prendere in considerazione lo svolgimento di una serie di attività.

Il Disaster Recovery Plan (anche detto ripristino di emergenza) è il processo immediato mediante il quale un'organizzazione o società, può ripristinare la propria infrastruttura IT aziendale, dopo un evento imprevisto come blackout, alluvioni, incendi, attacchi informatici etc... e consiste nell'attivazione di soluzioni di Business Continuity.

Il solo piano di Disaster Recovery pertanto non è sufficiente per riportare in attività un'azienda; per recuperare i dati aziendali occorre aver previsto delle soluzioni come backup e sincronizzazioni, al fine di garantire il recupero di dati e il ripristino della situazione aziendale antecedente al disastro.

Business Continuity Management: pianificare il Disaster Recovery

Poiché i sistemi IT e i processi di ciascuna organizzazione possono variare, non esiste un piano di ripristino d'emergenza predefinito.
Tuttavia, in genere un piano di Disaster Recovery dovrebbe includere:

  • Misure preventive che mitigano il rischio e prevengono il verificarsi di un disastro IT come un Backup Cloud dei dati aziendali, l'esecuzione di controlli periodici, ecc.
  • Misure investigative che aiutano a scoprire potenziali minacce, come l'aggiornamento del software antivirus, installazione di programmi di monitoraggio dei server e della rete, ecc.
  • Misure correttive, ossia passaggi per ripristinare rapidamente il sistema IT dopo attacchi improvvisi.

Oltre agli obiettivi e processi o misure preventive, il piano di ripristino d'emergenza, per essere efficiente e risolutivo, deve includere anche personale responsabile e team di esperti del settore.

Disaster Recovery: come garantire la Business Continuity

La pianificazione della continuità operativa si riferisce a un processo più completo che comprende passaggi preventivi e processi di recupero in caso di problematiche IT.

I processi nell'ambito della pianificazione della continuità operativa comprendono:

  1. analisi degli scenari di minaccia,
  2. progettazione della soluzione,
  3. implementazione del progetto,
  4. fase di Test,
  5. manutenzione del plan.

L’analisi degli scenari di minaccia evidenzia il loro possibile impatto sul business ed in particolare su quali precise funzioni aziendali. È quindi utile per identificare alcuni passaggi che l'azienda dovrebbe adottare per rispondere efficacemente alle minacce.
L'analisi è seguita dall’identificazione degli strumenti che possono essere utilizzati, per esempio, un backup SaaS e ripristinare la soluzione per il backup fuori sede. A seguito dei test e dell’approvazione del Business Continuity Plan definitivo, la pianificazione della continuità operativa deve essere aggiornata annualmente o semestralmente, per tenere il passo con i cambiamenti organizzativi e commerciali.

Criteri per il successo

Anni di esperienza nel settore ci hanno permesso di definire alcuni criteri determinanti affinché il piano di ripristino di emergenza o il piano di continuità operativa abbiano successo:

  • Buy-in degli stakeholder: affinché il Disaster Recovery o la pianificazione della Business Continuity non costituiscano un'altra esercitazione antincendio di routine, è necessario il buy-in degli stakeholder per elevarlo alla pianificazione ad alta priorità.
  • Focus olistico: mentre il recupero dei dati e la messa in funzione dei sistemi è la tua priorità assoluta, la pianificazione che comprende altri passaggi preventivi non deve essere trascurata. Ad esempio, tenere regolari corsi di formazione sulla sicurezza per i dipendenti, garantire il backup del personale di supporto, ecc.
  •  Aggiornare regolarmente i piani: man mano che l'organizzazione e i suoi processi aziendali e IT evolvono, anche i piani di ripristino di emergenza o piani di continuità aziendale devono evolversi. Per garantire la pertinenza, i piani devono essere aggiornati su traguardi significativi quali aggiornamenti di versioni principali, fusioni o acquisizioni, ecc.

La soluzione Datto per Business Continuity e Disaster Recovery

La soluzione Datto riesce a fornire un supporto cruciale nel recupero preciso e rapido dei dati, in particolare quando il server o il pc viene colpito da ransomware, errori di sincronizzazione e cancellazione accidentale o dannosa, incendi, alluvioni, rotture, vandalismo.
Le soluzioni BCDR (Business Continuity e Disaster Recovery) intelligenti che eseguono il backup dei contenuti sul Cloud di Datto, consentono di recuperare facilmente un file perso o un'intera infrastruttura aziendale in pochi minuti.
Le funzioni di backup e sincronizzazione dei file consentono ai client di collaborare senza problemi e in tempo reale, di eseguire un backup per ripristinare il lavoro senza sacrificare la sicurezza e mantenendo la semplicità e la potenza dei sistemi.

Questo permetterà all’ infrastruttura aziendale di continuare a funzionare e quindi di non subire perdite di denaro, mentre vengono messe in atto e completate tutte le azioni di ripristino e sincronizzazione dei dati, mentre un semplice backup, non sarebbe in grado di garantire un ripristino dei dati così completo, retroattivo fino a pochi secondi precedenti al disastro.

 

Desideri maggiori informazioni sulle soluzioni Disaster Recovery e Business Continuity?
Vuoi scoprire le potenzialità di DATTO?
Scrivici e prenota una consulenza gratuita con i nostri specialisti.