Virus 2020: il nuovo Trojan spaventa le aziende.

Al giorno d'oggi difendersi dagli attacchi informatici rappresenta sempre più una priorità per il proprio successo professionale. Infatti, veniamo informati costantemente di nuovi casi di aziende, le quali vengono messe sotto scacco da parte di azioni di gruppi hacker. L'ultima in ordine di tempo è il Trojan da accesso remoto soprannominato Agent Tesla. Nonostante sia stato individuato ben sei anni fa, secondo quanto emerso nel contesto di una ricerca pubblicata di recente si tratta del malware più diffuso nella prima metà del 2020. Agent Tesla ha infatti strappato questo poco ambito primato nel mondo del cybercrime a nomi temuti quali Emotet e TrickBot. Soprattutto grazie agli effetti provocati dalla pandemia, che hanno prodotto un aumento notevole di cybercrime, Agent Tesla è diventato sempre più una minaccia, poiché si è dimostrato in grado evolvere e riuscire a colpire un bacino più ampio di target grazie alle evoluzioni dovute alla diffusione improvvisa ed emergenziale di soluzioni di smart working, spesso improvvisate. Gli hacker responsabili della sua creazione si sono rivelati particolarmente abili nel riuscire a sfruttare il Covid-19 nell'ambito della cybersecurity, cogliendo occasioni prima non accessibili, proprio grazie a sistemi di difesa minori e alla potenzialità di colpire un numero sempre più elevato di persone.

Come funziona Agent Tesla?


Tra gli aspetti che si sono rivelati più problematici, vi sono certamente le campagne di phishing impiegate come supporto strategico nell'ottica di riuscire a diffondere il più possibile il malware, facendo leva sulle paure che hanno colto la maggior parte delle persone nel primo semestre del 2020 e la conseguente ricerca di informazioni puntuali. All'inizio gli hacker hanno utilizzato prevalentemente email con oggetto il virus responsabile della pandemia, mentre ora è il mondo aziendale a essere più nel mirino di questi malintenzionati informatici. Il modo per farsi strada in ambito corporate è attraverso l'invio di finti allegati e comunicazioni che appaiono in prima istanza legittime: le esche più utilizzate riguardano eventuali ultimi pagamenti ricevuti con allegati, che celavano un codice, con un formato di compressione poco popolare come .gz. Una volta aperta l'email, scaricato ed estratto l'allegato, la catena di infezione dell'Agent Tesla entra in azione e la persona diventa una delle vittime di questa campagna. La società completamente fittizia creata dagli hacker con sede in diversi paesi a seconda dell'obiettivo sembra autentica, motivo per cui questo attacco si è dimostrato più efficace del solito. Pur con leggere variazioni, gli esempi di phishing verificatisi a settembre 2020 con l'obiettivo di diffondere Agent Tesla nell'ambito delle aziende sono stati moltissimi, soprattutto nel nostro Paese.

Trovare una soluzione: l' attenzione non basta


Quel che rende così pericoloso questo Trojan è proprio la sua ultima evoluzione, ovvero la capacità di infettare in maniera più diffusa e a sottrarre dettagli delle reti private, rubando al contempo credenziali di accesso. Agent Tesla si dimostra in grado di estrarre i dati di configurazione di VPN, browser e client di posta, riuscendo inoltre a carpire le credenziali dei log e dei registri e mandarle poi al server. Le implicazioni potenziali per coloro che dovessero avere la sfortuna di incappare nell'azione di questo Trojan sono davvero notevoli: se per un privato i problemi possono essere importanti, per un'azienda lo sono certamente ancora di più. Ecco dunque che capire Come difendersi in modo puntuale è davvero importante. Uno degli aspetti principali è la formazione costante, che porta alla consapevolezza del personale. Ognuno dei membri del proprio team, infatti, potrà farsi difensore in prima linea della sicurezza delle reti aziendali, evitando così un pericoloso scalare dei pericoli potenziali. Anche se il fattore umano rappresenta una prima, importante difesa, va notato che non sempre esso può risultare sufficiente a garantire un'azione protettiva valida ed efficace. La soluzione potrebbe dunque essere rappresentata dall'introduzione di un antispam che si riveli in grado di contrastare l'azione di questo intelligentissimo Trojan e di rappresentare la miglior difesa a servizio della sicurezza delle email aziendali. In tal senso, Libraesva è senza dubbio il prodotto più indicato: questo antispam, realizzato da un team di professionisti italiani, è quello che può vantare il minor numero di falsi positivi rispetto a tutte le versioni pubblicate dalla concorrenza. In virtù di queste caratteristiche Libraesva, così come l'azienda che lo produce, è riuscito ad affermarsi come uno dei più acclamati e riconosciuti fornitori di tecnologie avanzate per email security a livello mondiale, le cui soluzioni versatili e efficaci consentono ai professionisti che le adottano di migliorare i propri flussi lavorativi e operare in totale sicurezza.