Ti hanno rubato il nome a dominio? Ecco il cybersquatting.

Vuoi registrare un dominio con il nome del tuo brand e non è più disponibile? Ti sei dimenticato di rinnovare il dominio e qualcun altro lo ha registrato? No, non è sfortuna, ma un noto fenomeno del web: il cybersquatting.

Il termine cybersquatting (anche detto domain grabbing, dall'inglese grab= ghermire), derivante dall'inglese squat cioè occupare abusivamente, indica un'illecita attività di acquisizione della titolarità di nomi a dominio corrispondenti a marchi di aziende o personaggi famosi, principalmente al fine di realizzare un lucro derivante da una successiva vendita a prezzi esorbitanti a chi li richieda per diritto legittimo all'utilizzo nel diffondere il suo brand.

Lo scopo del cybersquatting o domain grabbing tuttavia non è solamente guadagnare denaro dalla rivendita del dominio, ma anche deviare e sfruttare il traffico web generato sul sito web dell'azienda presa di mira, magari per vendere pubblicità.

Si tratta di una pratica nata negli Stati Uniti negli anni novanta, ma ancora diffusa e apparentemente in continua crescita negli ultimi anni.
 

I diversi tipo di cybersquatting


Alcune tipiche tipologie di cybersquatting:

  • Cybersquatting con intento criminoso. Si tratta della tipologia più comune. Il cyber criminale registra il dominio con il solo scopo di ottenere un ricavo monetario, rivendendolo al legittimo proprietario dei diritti sul marchio.
  • Typosquatting/punycode. Il cyber criminale registra un dominio con un piccolo errore ortografico nel nome rispetto al dominio originale (ad esempio, www.rIfugioalpino.it invece di www.rifugioalpino.it) e crea un sito ingannevole che può essere utilizzato per indurre l’utente a condividere dati personali o a scaricare un software contenente malware.
  • Gripe sites. Si tratta di siti web creati ad hoc per schernire ed offendere persone, politici e grandi compagnie.
  • Name jacking. Il cyber criminale procede all’acquisto di un dominio con il nome di una persona, ad esempio, per Mario Rossi, mariorossi.it. Ciò permette, creando un opportuno sito, di dirigere le ricerche per tale persona al portale. Questa tipologia sfrutta principalmente nomi di personaggi noti, per spingere gli utenti a visitare il sito web, generando traffico e venendo esposti a pericolo di phishing.
  • Furto d’identità. I cyber squatter possono utilizzare tool automatizzati per acquistare i domini non rinnovati in seguito alla scadenza della registrazione.  

Il cybersquatting è legale?

No, il cybersquatting non è legale.

Il sito web del ministero della giustizia italiano definisce il cybersquatting come segue:

“Trattasi di atto illegale di pirateria informatica, che consiste nell’appropriarsi del nome di un dominio già esistente per poi rivenderlo ad un prezzo molto più alto”.

In generale questa pratica è considerata reato nella maggior parte dei paesi industrializzati.

Come rientrare in possesso del dominio rubato?

Nonostante non sia ancora presente una legislazione specifica, in Italia, chiunque ritenga che il proprio marchio venga utilizzato da un soggetto non autorizzato, può fare ricorso facendo riferimento alle leggi per la tutela del marchio.


Secondo le policy ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers), affinché un dominio venga considerato abusivo devono verificarsi i seguenti presupposti:

  • l’autore del cybersquatting deve avere registrato il dominio con scopi disonesti;
  • chi richiede la riassegnazione del dominio deve avere un chiaro diritto sullo stesso;
  • il nome del dominio deve essere identico o confondibile con il nome o firma di chi ne richiede la riassegnazione.

Come difendersi dal cybersquatting?

Per non cadere vittima del cybersquatting si possono adottare due accorgimenti:


  • registrare i propri marchi presso l’Ufficio Brevetti e Marchi;
  • verificare la scadenza dei propri domini e rinnovarli e attivare il rinnovo automatico, se disponibile.

IPSNet, come Managed Services Provider, si occupa di questi aspetti per i propri clienti, occupandosi di ogni aspetto, dalla registrazione dei domini al costante aggiornamento degli asset online e la verifica delle scadenze, garantendovi sicurezza e monitoraggio costante del vostro dominio.

Credits: Icon made by Freepik from www.flaticon.com is licensed by CC 3.0 BY.