Comunicato del Comitato Clandestino Rivoluzionario Indigeno - Comando Generale dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale.

Messico, 8 Luglio 1996

Al Popolo del Messico

Ai Popoli e ai Governi del Mondo

Alla Stampa Nazionale ed Internazionale

Fratelli:

Il CCRI-CG dell'EZLN informa su quanto segue:

Primo: Come in occasioni passate, la delegazione del governo al dialogo di San Andres, con a capo i signori Bernal e Del Valle, minaccia di far saltare il processo di pace in Chiapas negando di discutere e di accordare nuove regole di svolgimento e principi che permettano che la negoziazione avanzi senza ostacoli.

I signori Bernal e Del Valle pretendono che a San Anrdres si continui con la stessa logica che lo ha portato da fallimento a fallimento. È da far notare che questo indurimento della Delegazione del Governo coincide con la mobilitazione di migliaia di effettivi dell'esercito federale che, con la scusa di una campagna sociale, rinforza le posizioni militari nelle regioni del nord, Selva e Altos del Chiapas.

Secondo: Il CCRI-CG dell'EZLN considera che ha già dato dimostrazioni sufficienti di volontà politica e, senza dubbio, il governo continua la sua strategia di allungare indefinitivamente la soluzione del conflitto. Non è possibile continuare a San Andres, come pretende la delegazione del governo, nelle stesse condizioni di instabilità politica e giuridica.

Terzo: I Capi dell'EZLN hanno sostenuto una riunione privata con i membri della Commissione di Concordia e Pacificazione, con il fine di spiegare loro questa situazione e chiedere la loro attenzione e i loro sforzi. Il dialogo di San Andres è nuovamente in pericolo e così è stato comunicato alla Cocopa.

Quarto: I membri della Cocopa si sono impegnati a svolgere le loro funzioni davanti alle più alte autorità del governo federale, con il fine di dare una soluzione a questo nuovo conflitto provocato dalla delegazione del governo.

Quinto: Ieri, 7 luglio 1996, questo CCRI-CG dell'EZLN ha ricevuto la richiesta da parte dei signori legislatori della Commissione di Concordia e Pacificazione per fare un nuovo incontro fra questa rappresentanza del Congresso dell'Unione e la dirigenza dell'EZLN, per informare dei risultati delle sue pratiche. Questo risponde all'accordo preso fra il CCRI-CG dell'EZLN e la Cocopa di sostenere riunioni periodiche e frequenti fra queste due parti. La Cocopa domanda all'EZLN che questo incontro si faccia il prima possibile.

Sesto: La Cocopa ha richiesto al CCRI-CG dell'EZLN che il Subcomandante Marcos rimanga ancora un po' a San Cristobal de las Casas, Chiapas, con il fine che sia presente a questo incontro i cui risultati, essendo positivi, districherebbero questo nuovo nodo a San Andres.

Settimo: La Cocopa si è impegnata di fronte alla delegazione zapatista nel foro speciale per la Riforma dello Stato a prendere tutte le misure di sicurezza del caso, che garantiscano la vita e la libertà del Subcomandante Marcos durante la sua permanenza a San Cristobal de las Casas e per il ritorno dal luogo da cui è venuto.

Ottavo: La Cocopa si è impegnata a sostenere un cinturone di sicurezza formato dalla Croce Rossa e dalla polizia militare disarmata, nel luogo nel quale rimarrà il Subcomandante Marcos, durante tutto il tempo della sua permanenza.

Nono: Questa mattina, dopo aver analizzato la situazione del dialogo di San Andres, gli sforzi costanti della Cocopa per farlo proseguire, e confidando nella parola dei signori legislatori nel senso di assumersi come propria la sicurezza del Subcomandante Marcos e la garanzia che il governo federale si impegni a rispettare in tutto il tempo la vita e la libertà del nostro compagno, la delegazione del CCRI-CG dell'EZLN ha ordinato al Subcomandante Marcos che rimanga nella Città di San Cristobal de las Casas, nel luogo sede del Foro Speciale Per la Riforma dello Stato, fino a nuovo avviso.

Decimo: Attraverso alcuni mezzi di informazione è stata data notizia che è già stato fissato un nuovo incontro fra l'EZLN e il Governo Federale, per il 15 di luglio di quest'anno come continuazione del Tavolo II " Democrazia e Giustizia". Questo è falso.

Non solo non è stato preso un accordo per un nuovo incontro, ma è possibile che il prossimo sia l'ultimo. L'EZLN si è dimostrato disposto, se si risolveranno in modo soddisfacente le inquietudini sulle necessarie condizioni politiche e giuridiche per il dialogo, ad accordare un nuovo incontro per riprendere la negoziazione del tema "Giustizia e Democrazia" al più presto possibile. Senza dubbio, tutto sembra indicare che la delegazione del governo causerà la sterilità di questa volontà dell'EZLN. Speriamo che la Cocopa abbia un buon esito nelle sue pratiche.

Come ultima cosa ,vogliamo dire che, nuovamente, l'EZLN ratifica la sua volontà di dialogo e di soluzione politica della guerra, nonostante i rischi che questo comporta. L'EZLN convoca la società civile nazionale ed internazionale affinché faccia attenzione a ciò che stiamo comunicando, al fine di evitare un nuovo tradimento del governo.

DEMOCRAZIA!

LIBERTÀ!

GIUSTIZIA!

Dalle Montagne del Sudest Messicano

Subcomandante Ribelle Marcos

Comitato Clandestino Rivoluzionario Indigeno - Comando Generale dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale.

Messico, Luglio 1996


logo

Indice dei dialoghi di San Andrés


home